06.899286 info@medben.it

terapiamanualefisioterapiaaroma

 

Cosa è la Terapia Manuale Ortopedica?

Capita spesso che molti impiegati, sportivi, casalinghe e studenti,  vengano nel nostro centro di fisioterapia a Roma, per fastidi al tratto cervicale, comunemente conosciuti come “torcicollo”, o per problemi nel tratto lombare della schiena, che magari possono manifestarsi mentre sono seduti o mentre eseguono una flessione anteriore del tronco. Queste e tanti altri tipi di problematiche posso essere facilmente risolte con la Terapia  Manuale Ortopedica.

Questa branca specialistica della fisioterapia, secondo quanto riportato dall’IMTA (International Maitland Teachers Association), “Si occupa della gestione delle condizioni neuro-muscolo-scheletriche, è basata sul ragionamento clinico ed usa un approccio terapeutico altamente specifico, che include tecniche manuali ed esercizi terapeutici.
La terapia manuale ortopedica è guidata dalla validità dell’evidenza scientifico-clinica e dal contesto bio-psico-sociale di ogni singolo paziente”.

[maxbutton id=”1″]

 

terapiamanuakeortopedicafisiotrapiaroma

Flavio e Valentina

Flavio è uno studente universitario di 22 anni che passa gran parte della sua giornata sui libri. Si è recato al nostro centro di fisioterapia Roma, Medben, perché aveva forti dolori al tratto cervicale, in particolare quando effettuava i movimenti di estensione e rotazione destra.

Come di consueto, mediante un’accurata intervista iniziale è stato possibile comprendere l’eziologia del problema, analizzare la disfunzione di movimento e quindi impostare il trattamento più opportuno. Flavio utilizzava una scorretta posizione per studiare, aveva infatti  il tratto cervicale eccessivamente flesso per troppe ore consecutive. Flavio è stato trattato con:

– massaggio al fine di rilassare i tessuti interessati;

– delle mobilizzazioni postero-anteriori del tratto cervicale in disfunzione in modo da migliorare l’escursione articolare

– esercizi per migliorare la stabilizzazione del collo

Infine è stata insegnata a Flavio la corretta posizione da tenere mentre è seduto a studiare e abbiamo trovato insieme delle strategie per preservare il tratto cervicale da eventuali ricadute (es. Studiare con l’ausilio di un legìo). Il paziente ha trovato giovamento dalle prime  sedute sino all’attuale completa risoluzione dei sintomi.

Valentina, 44 anni, da mesi avvertiva fastidi alla spalla destra mentre effettuava le normali attività di vita quotidiana (stirare, asciugarsi i capelli, pulire vetri, allacciarsi il reggiseno, guidare..) e inizialmente riusciva a risolvere i sintomi stando a riposo e prendendo dei comuni antidolorifici. Col passare del tempo, gli antidolorifici che prendeva iniziarono ad essere insufficienti a ridurre i sintomi, e muovere la spalla le creava un forte dolore nella parte anteriore e posteriore dell’ articolazione. Per migliorare la sua condizione decise di recarsi nel nostro centro di fisioterapia a Roma.

Con un’attenta analisi del caso, abbiamo compreso che un’ iniziale microinstabilità dell’ articolazione con il tempo aveva generato i sintomi caratteristici di una sindrome da conflitto sub-acromiale, una patologia molto comune della spalla caratterizzata soprattutto dal dolore nei movimenti di abduzione e intrarotazione.

Utilizzando delle tecniche di terapia manuale, siamo andati ad intervenire su quelle strutture, come la capsula posteriore della spalla, che causavano il deficit di stabilità dell’articolazione, la diminuzione dell’escursione articolare e la presenza della sintomatologia antalgica. Sono stati fatti eseguire degli esercizi specifici per:

– ristabilire equilibrio di forza fra i muscoli stabilizzatori (troppo deboli) e muscoli mobilizzatori;

– migliorare la propriocettività e la resistenza della spalla.

Al termine del ciclo fisioterapico la paziente ha risolto definitivamente il suo problema, il miglioramento della stabilità dell’articolazione e l’assenza di dolore hanno reso possibile il completo recupero del range articolare. Valentina riacquistando in pieno tutti i movimenti della spalla è tornata ad avere la stessa qualità di vita che aveva prima dell’infortunio, senza più il bisogno di prendere farmaci antidolorifici.

[maxbutton id=”1″]